Wonder al cinema. Servizi per le famiglie l’ha visto per voi e….

Qualcuno avrà letto i libri, qualcuno no. Io faccio parte della seconda specie. Il film è il racconto da più punti di vista speciali cosa significa convivere con una disabilità fisica, in questo caso, una grave malformazione facciale trattata con più di venti operazioni di chirurgia plastica che hanno permesso al protagonista di 10 anni di sentire vedere e mangiare autonomamente.

Il fatto che il film sia il racconto di più punti di vista di adulti, ragazzi, compagni di classe, fratelli e del protagonista stesso permette di immedesimarsi, di ascoltarsi e di conoscere quello che si prova. Il film è un proiettile che entra dentro creando una sorta di forte empatia con ogni personaggio che racconta, anche con il bullo della scuola. Evidenzia  le proprie fragilità di ognuno, quelle che tutti vorremmo nascondere più o meno riuscendoci. Ma se la fragilità è collegata a una disabilità evidente, tutto si fa più difficile ed ecco il protagonista che al primo giorno di scuola media si presenta con un casco da astronauta così che nessuno lo possa guardare.

Wonder è la storia di sacrificio, di coraggio, di stima, di speranza e di fiducia, è la storia di personaggi nati per emergere è la storia che solleva la possibilità per ognuno di noi di determinare la nostra vita, fatta da quello che ci accade sì, ma soprattutto da come affrontiamo quello che ci accade.

“Sii gentile, perché chiunque incontri sta combattendo una dura battaglia.” questo il sunto di 105 magnifici minuti che consiglio alle famiglie anche con bambini più piccoli.

Informazioni su Laura Manzoni

Consulente socio- familiare Mediatore Familiare Coordinatore Genitoriale Assistente Sociale Privato
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *